Il Content Marketing è davvero utile per la tua Azienda?

7 Ottobre 2023Daniele De Marchi

Negli ultimi anni, il mantra "diventa editore di te stesso" è diventato un'ossessione nel mondo del marketing digitale. L'idea di creare un flusso costante di contenuti per attirare utenti e trasformarli in clienti potenziali sembra allettante, ma è tempo di sfatare questo mito.

L'idea di diventare un editore di se stessi attraverso un calendario editoriale e una serie di articoli SEO è spesso troppo semplificata e riduttiva per avere un impatto reale sul successo di un marchio online.

Il Problema con la Proliferazione di Contenuti Insignificanti

Il content marketing implica la creazione e la condivisione di contenuti rilevanti e utili per il proprio pubblico di riferimento. Questi contenuti possono essere pubblicati sui canali dell'azienda o su piattaforme esterne come blog, siti di notizie o social media. L'obiettivo è attirare l'attenzione del pubblico, fornire informazioni utili e gradualmente convertire i lettori in clienti potenziali.

Il fenomeno del content marketing ha portato alla produzione esponenziale di contenuti online. Ogni giorno, migliaia di articoli vengono pubblicati senza una reale considerazione per la qualità o la rilevanza. Questo comportamento ha saturato il web con informazioni spesso banali e poco utili, contribuendo a creare un ambiente in cui è sempre più difficile emergere.

Il Presupposto Falsificato: Pubblico e Autorità

Una delle principali fallacie del concetto di "diventa editore di te stesso" è che presume che un'azienda possieda già un pubblico e un grado di autorità. La realtà è che molte aziende, in particolare le startup o i brand meno conosciuti, partono da zero. Non possiedono un pubblico consolidato né un'identità autorevole. In questo contesto, un semplice calendario editoriale e una serie di articoli SEO non possono fare miracoli.

L'Inattenzione dell'Utente Moderno

Gli utenti moderni sono costantemente bombardati da un flusso incessante di informazioni online. Sono disattenti e consapevoli delle tattiche di marketing utilizzate dalle aziende per attirare la loro attenzione. Di conseguenza, le probabilità che un articolo generico e poco interessante riesca a catturare e coinvolgere un utente sono incredibilmente basse.

I Limiti dell'Inbound Marketing

L'inbound marketing, spesso promosso come soluzione miracolosa, implica la raccolta di lead attraverso la condivisione di contenuti. Tuttavia, la raccolta di lead è solo una parte dell'equazione. Convertire questi lead in clienti effettivi richiede molto di più. Gli utenti sono diventati scettici e richiedono prove concrete dell'efficacia dei prodotti o servizi offerti.

La lead generation rappresenta uno degli aspetti "mistificati" da chi fa content marketing, poiché sono un mezzo per stabilire una connessione più profonda con il pubblico. Un lead è un contatto che l'azienda può utilizzare per ulteriori comunicazioni, come l'invio di newsletter o l'offerta di contenuti premium. La raccolta di lead è spesso un obiettivo chiave nel content marketing.

Tuttavia, è importante notare che siamo lontani dall'epoca della lead generation come la conoscevamo perché il panorama digitale è radicalmente cambiato. Gli utenti sono diventati più informati, più consapevoli e più esigenti. Sono esposti a una quantità sempre crescente di informazioni e pubblicità online, il che li rende scettici nei confronti delle tattiche di lead generation tradizionali.

Inoltre, le leggi sulla privacy, come il GDPR, hanno posto limiti più stringenti sulla raccolta dei dati personali degli utenti, rendendo più difficile la costruzione di liste di lead.

Oggi, per avere successo nella lead generation, è essenziale adottare approcci più sofisticati, come l'uso di strategie di marketing basate sull'esperienza e la costruzione di rapporti autentici con il pubblico. La quantità di lead generati potrebbe essere meno rilevante rispetto alla qualità e all'engagement di tali lead, e questo è un cambiamento significativo nell'approccio al marketing digitale.

L'Approccio Giusto: Qualità su Quantità

È giunto il momento di smettere di riempirsi la bocca di concetti come "calendario editoriale" quando molte aziende pubblicano solo un post a settimana e pochi articoli.

Piuttosto, dovremmo concentrarci su ciò che conta davvero: la creazione di contenuti autentici, interessanti e veramente utili per il pubblico. L'obiettivo dovrebbe essere allineare questi contenuti con gli obiettivi strategici del marchio, anziché cercare di strafare o di imitare un'attività editoriale completa.

La qualità dei contenuti è ciò che conta di più, poiché solo contenuti di valore possono catturare e coinvolgere il pubblico, contribuendo a costruire una presenza online autentica e duratura. In breve, smettiamo di focalizzarci sulla quantità e concentriamoci sulla qualità dei contenuti che condividiamo con il nostro pubblico.

La coerenza è fondamentale in qualsiasi strategia di content marketing. Non significa solo pubblicare regolarmente, ma anche garantire che i contenuti siano rilevanti e coerenti con l'identità del brand. Un calendario editoriale ben strutturato e rispettato è un elemento essenziale per mantenere la coerenza.

Inoltre, è importante considerare il pubblico e il canale di distribuzione. I contenuti dovrebbero essere adattati alle preferenze del pubblico e ai canali utilizzati. Ciò significa che la strategia di content marketing dovrebbe tener conto di come il pubblico interagisce con i contenuti e dove è più probabile trovarlo.

L'autore del post
Daniele De Marchi
Esperto in Strategia Digitale. Formatore con ventennale esperienza negli ambiti manageriali, comportamentali e di vendita. Nel tempo libero musicista, autore e arrangiatore.

Performarsi Digital S.r.l.

Sede operativa

© 2024 Performarsi Digital S.r.l.